Storia della P.A.N.

LE ORIGINI
L'acrobazia aerea in Italia nasce nel 1928 con l'assunzione del comando del 1°Stormo Caccia da parte del ten.col.Rino Corso Fougier che integra l'addestramento dei piloti militari con questo particolare assetto di volo. Superate le diffidenze iniziali, è l'aeroporto di Campoformido, nel cuore del Friuli Venezia Giulia, a vedere la nascita della prima scuola di acrobazia destinata a riscuotere consensi in Italia e all'Estero.

I piloti di Campoformido si esibiscono una prima volta nel luglio 1929 e l'8 giugno 1930, in occasione del gran finale della 1ª Giornata dell'Ala, suddivisi in tre formazioni, propongono  uno straordinario carosello sull'aeroporto del Littorio eseguendo, per la prima volta, una figura destinata a entrare nel mito dell'acrobazia italiana: cinque biplani, in formazione a cuneo, si rovesciano e si incrociano in un effetto altamente spettacolare.
Dopo un'interruzione, la pattuglia torna ad esibirsi nel 1936 in Italia, in Ungheria, nel Sudamerica...e ovunque attira folle oceaniche entusiaste.


LA NASCITA DELLE "FRECCE TRICOLORI"
Le premesse per la creazione della PAN, la Pattuglia Acrobatica Nazionale, vengono gettate il 1° marzo 1961, sulla base aerea di Rivolto, a pochissimi chilometri da Campoformido, dove lo Stato Maggiore Aeronautica dispone la costituzione del Nucleo Speciale Acrobatico che, nelle intenzioni dell'Aeronautica Militare, deve perfezionare la specifica preparazione dei piloti evitando di disperderne le preziose esperienze. 

Il nuovo reparto è denominato Unità Speciale. Il nucleo originario intorno al quale si sviluppa l'Unità è la pattuglia della 4ª Aerobrigata, già designata come formazione "titolare" per il 1961. I velivoli con cui, il 3 marzo, i primi sei piloti assegnati raggiungono Rivolto hanno tutti sulla coda l'emblema del "Cavallino Rampante".
Arrivano altri piloti aeroplani e, il primo maggio, quella che già si chiama Pattuglia Acrobatica Nazionale è pronta per la prima uscita ufficiale sull'aeroporto di Trento.

Il 1° luglio 1961 il reparto diviene ufficialmente 313°Gruppo Addestramento Acrobatico.
Per la stagione 1961 gli F-86E volano informazioni di sei. Sono dotati di impianto fumogeno e sulla fusoliera blu scuro riportano un grande rombo azzurro contenente una freccia nera, una livrea che per la stagione 1962 è soppianto da uno schema di colorazione ben più familiare, con le inconfondibili tre frecce bianco rosso verde che si stagliano sulla carlinga e il numero progressivo riportato in giallo sulla coda.

Il team ormai ha acquisito la sua identità: sono nate le Frecce Tricolori!

 

 

_______________________________________________________________________________
fonte: Ministero Della Difesa - Aeronautica Militare

 

 

Argomenti del sito: 
Data ultima modifica: 
Mercoledì, 4 Maggio, 2022