Monitoraggio dei campi elettromagnetici

Al fine di controllare costantemente i valori di elettrosmog sul territorio comunale, vale a dire i valori presenti nei campi magnetici creati nell'ambiente dalla circolazione elettrica e, nello specifico, dai sistemi fissi delle telecomunicazioni e radiotelevisivi, il Comune di Massa ha attivato, già da diversi anni, in collaborazione con Polab (società toscana che opera nel settore dell'elettromagnetismo ambientale), un sistema di monitoraggio continuo attraverso centraline di misura dell'intensità dei campi.

Sistema di monitoraggio
Le centraline collocate in possimità di stazioni radio base già installate e funzionanti sono dotate di uno o più sensori a banda larga che registrano in continuo il valore efficace di campo elettrico. Attualmente le centraline sono tredici,  collocate in vari punti della città tra centro e periferia. La rete di monitoraggio consente di tenere continuamente aggiornati i cittadini circa il rispetto dei limiti d’esposizione ai campi elettromagnetici avviando subito azioni di tutela nel caso in cui, per qualsiasi motivo, i valori riscontrati superassero quelli previsti dalla normativa o dagli obiettivi prefissati dal Comune.  
Ulteriori informazioni sul sistema di monitoraggio sono disponibili accedendo al seguente link http://monitoraggi.polab.it/comuni/massa/

Normativa ambientale
Poichè la verifica di ipotetici effetti nocivi sulla salute umana è uno dei temi più sensibili quando si parla di conseguenze di un campo magnatico, da alcuni anni l'argomento è oggetto di un intenso lavoro da parte della  ricerca scientifica che ha portato all'emanazione di norme di tutela con le quale si fissano, in maniera rigorosa e prudenziale, i valori limite di esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici prodotti dal funzionamento e dall’esercizio dei sistemi fissi delle telecomunicazioni e radiotelevisivi. Per completezza di informazioni si rimanda alla sezione del sito di ARPAT dedicata ai "campi elettromagnetici"

Argomenti del sito: 
Data ultima modifica: 
Giovedì, 28 Marzo, 2019