IMU

DOVE RIVOLGERSI

Ufficio  Master srl
sede  via Simon Musico (ex scuola media Alfieri)
telefono  0585 883690 - 883695 - 883698
mail  imu@mastermassa.it

Misure anti Covid-19
Master S.r.l., società in house del Comune di Massa, comunica che è possibile accedere agli sportelli solo previo appuntamento telefonico e qualora impossibilitati a comunicare con sistemi telematici, utilizzando esclusivamente l'ingresso di Via Simon Musico; l'uscita è su Via XXVII Aprile.
Gli accessi sono contingentati. Ogni contribuente non potrà permanere presso gli uffici per più di 30 minuti e per accedere occorre indossare la mascherina, igienizzarsi le mani e rispettare la distanza interpersonale di 1,80 metri. Sarà, inoltre, rilevata la temperatura corporea ad opera dei volontari dell'Associazione Nazionale dei Carabinieri.
In ottemperanza alle disposizioni normative previste per contrastare l'emergenza da Covid-19,  Master S.r.l. invita tutta la cittadinanza per l'istruzione delle varie pratiche o per la richiesta di informazioni ad utilizzare gli strumenti telematici quali mail, pec, fax, telefono.

*************************************************************

Istituzione
L'IMU è stata istituita con Decreto Legge 201/2011 ed è stata oggetto di diverse revisioni normative nel corso del tempo. Dal 2014 l' I.M.U. è stata integrata nella I.U.C. (Imposta unica comunale) istituita dalla Legge 27 dicembre 2013, n. 147. Con l’art. 1, comma 738, della L.160/19 la IUC composta da IMU, TASI e TARI viene abolita con l’eccezione della TARI e viene creata l’Imposta municipale propria (IMU) disciplinata dalle disposizioni di cui ai commi 739 – 783.    
Oltre alla normativa nazionale, l’IMU dovrà essere regolamentata con apposito regolamento comunale ai sensi dell’art.1, comma 777, della L.160/19 da approvare entro il termine del 31 luglio 2020. Si fa presente che le modifiche apportate dalla normativa nazionale trovano immediata applicazione e modificano e/o integrano le previsioni regolamentari stabilite dal Comune.   

Chi deve pagare l'I.M.U.
L'imposta municipale propria è dovuta in caso di possesso di immobili.
Devono, quindi, pagare l’IMU:

  • il proprietario o titolare di diritto reale di usufrutto, uso, enfiteusi e superficie di immobili intendendosi per tali i fabbricati, le aree fabbricabili e i terreni;
  • il proprietario o titolare di diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie di abitazione principale classificate in categoria catastale A1, A8 e A9;
  • il concessionario di aree demaniali;
  • il locatario finanziario per gli immobili, anche da costruire o in corso di costruzione, concessi in locazione finanziaria, a decorrere dalla data di stipula e per tutta la durata del contratto di locazione.

Dall’anno 2020 sono tenuti al pagamento dell’IMU i proprietari o titolari di diritti reali sugli immobili adibiti ad abitazione principale di cittadini italiani residenti all’estero pensionati nello stato straniero e iscritti all'AIRE.

Periodicità dell'imposta municipale propria
L'IMU è dovuta per ciascun anno solare, proporzionalmente ai mesi di possesso. A tal fine il mese durante il quale il possesso si è protratto per più della metà dei giorni cui il mese stesso è composto, è computato per intero. Il giorno di trasferimento del possesso si computa in capo all'acquirente e l'imposta del mese del trasferimento resta interamente a suo carico nel caso in cui i giorni di possesso risultino uguali a quelli del cedente. A ciascuno degli anni solari corrisponde un'autonoma obbligazione tributaria.

Termini di pagamento
I soggetti passivi effettuano il versamento dell'imposta dovuta al Comune per l'anno in corso in due rate, scadenti la prima il 16 giugno e la seconda il 16 dicembre.
Il versamento della rata di acconto è  pari al 50% dell'imposta dovuta con riferimento alla somma delle aliquote IMU e TASI dell'anno 2019 utilizzando solo i codici tributo relativi all'IMU.
Il versamento della rata a saldo viene effettuato a conguaglio delle aliquote IMU anno 2020 pubblicate sul sito del Ministero

Resta in ogni caso nella facoltà del contribuente provvedere al versamento dell'imposta complessivamente dovuta in unica soluzione annuale, da corrispondere entro il 16 giugno, salvo eventuale conguaglio in sede di saldo in caso di modifica delle aliquote.

Esenzione IMU per abitazione principale
Dal 2014 sono esenti dall' I.M.U. le abitazioni principali delle categorie catastali A/2, A/3, A/4, A/5,    A/6, A/7.
Per abitazione principale si intende l'immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi situati nel territorio comunale, le agevolazioni per l'abitazione principale e le relative pertinenze in relazione al nucleo familiare si applicano per un solo immobile. In questo caso è necessario presentare entro il termine previsto per legge la dichiarazione IMU con la quale il contribuente indica l'immobile destinato ad abitazione principale del proprio nucleo familiare.

Per pertinenze dell'abitazione principale si intendono esclusivamente i fabbricati classificati nelle categorie catastali C/2 (magazzini e locali di deposito), C/6 (stalle, scuderie, rimesse e autorimesse) e C/7 (tettoie chiuse o aperte) nella misura massima di un'unità pertinenziale per ciascuna delle categorie
catastali indicate anche se iscritte in catasto unitamente all'unità ad uso abitativo.

Dall’anno 2020 si fa presente che ai sensi dell’art.1, comma 741 lett. A, della L.160/19 un’area può considerarsi parte integrante di un fabbricato (e quindi ricadente nella definizione di abitazione principale) solo se ne costituisce pertinenza esclusiva ai fini urbanistici e risulta accatastata unitariamente all’immobile stesso.

Equiparazione all’abitazione principale
Sono considerate abitazione principale (e quindi esenti dall’imposta):

  • le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, ivi incluse le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa destinate a studenti universitari soci assegnatari, anche in deroga al richiesto requisito della residenza anagrafica;
  • i fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali come definiti dal decreto del Ministro delle infrastrutture, di concerto con il Ministro della solidarietà sociale, il Ministro delle politiche per la famiglia e il Ministro per le politiche giovanili e le attività sportive del 22 aprile 2008, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 146 del 24 giugno 2008;
  • la casa familiare assegnata al genitore affidatario dei figli, a seguito di provvedimento del Giudice che costituisce, altresì, ai soli fini dell’applicazione dell’imposta il diritto di abitazione in capo al genitore affidatario stesso;
  • un unico immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, posseduto, e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente delle Forze di polizia ad ordinamento civile, nonché dal personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, e, fatto salvo quanto previsto dall'articolo 28, comma 1, del decreto legislativo 19 maggio 2000, n. 139, dal personale appartenente alla carriera prefettizia, per il quale non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica;
  • l’unità immobiliare con le relative pertinenze posseduta, a titolo di proprietà o di usufrutto, da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, sempreché la stessa non risulti locata.


Altri casi di non applicazione dell’IMU

  1. Sono esenti i fabbricati rurali ad uso strumentale, di cui all’art.13, comma 8, del decreto legge 6 dicembre 2011, n.201;
  2. Sono esenti i terreni agricoli posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali di cui all’art.1 del Decreto Legislativo del 29 marzo 2004 n. 99, iscritti nella previdenza agricola;
  3. Altri casi specifici di esenzione dal tributo si rinvengono nell’art.1, comma 758 e 759, della L.160/19. In virtù del comma 759 sono esenti i terreni non edificabili situati nelle frazioni montane di Bargana, Bergiola, Lavacchio, Canevara, Casette, Caglieglia, Forno, Casania, Guadine, Gronda, Resceto, Redicesi, San Carlo, Pariana, Altagnana e Antona.

Esenzione prima rata IMU anno 2020
Ai sensi dell'articolo 177 del D.L. del 19 maggio 2020 n. 34, in considerazione degli effetti connessi all’emergenza sanitaria da COVID 19, per l’anno 2020, non è dovuta la prima rata dell'imposta municipale propria (IMU) di cui all’articolo 1, commi da 738 a 783 della legge 27 dicembre 2019, n. 160, relativa a:
a) immobili adibiti a stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali, nonché immobili degli stabilimenti termali;
b) immobili rientranti nella categoria catastale D/2 e immobili degli agriturismi, dei villaggi turistici, degli ostelli della gioventù, dei rifugi di montagna, delle colonie marine e montane, degli affittacamere per brevi soggiorni, delle case e appartamenti per vacanze, dei bed & breakfast, dei residence e dei campeggi;

a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate.

A tal fine, è richiesta la presentazione, entro la rata del saldo (16 dicembre), di apposita autocertificazione attestante la presenza dei requisiti sopra indicati che hanno determinato il mancato pagamento della rata di acconto.

Comodato gratuito
Dal 2016, in virtù della L.208/15, per le unità immobiliari, fatta eccezione per quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, concesse in comodato dal soggetto passivo ai parenti in linea retta entro il primo grado che le utilizzano come abitazione principale, è prevista una riduzione del 50 per cento della base imponibile, a condizione che il contratto sia registrato e che il comodante possieda un solo immobile in Italia e risieda anagraficamente nonché dimori abitualmente nello stesso Comune in cui è situato l’immobile concesso in comodato; il beneficio si applica anche nel caso in cui il comodante, oltre all’immobile concesso in comodato, possieda nello stesso Comune un altro immobile adibito a propria abitazione principale, ad eccezione delle unità abitative classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9.

Ai fini dell’applicazione delle disposizioni di cui sopra, il soggetto passivo attesta il possesso dei suddetti requisiti nel modello di dichiarazione IMU.

Circa la locuzione “un solo immobile”, il Ministero delle Finanze, con Risoluzione n. 1/DF del 17 febbraio 2016 ha chiarito che la stessa si colloca nell’ambito del regime delle agevolazioni riconosciute per gli immobili ad uso abitativo, e quindi la stessa deve intendersi riferita all’immobile ad uso abitativo; le stesse considerazioni valgono anche per il possesso delle pertinenze.

Ai fini dell’applicazione del beneficio il soggetto passivo deve attestare il possesso dei suddetti requisiti nel modello di dichiarazione Imu, da presentarsi entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui l’immobile è stato concesso in comodato.

Si precisa che quanto sopra detto è rivolto all’abbattimento della base imponibile IMU. Altra situazione è l'aliquota da applicare che, per il comodato gratuito a parenti di primo grado in linea retta, è pari al 8,0 per mille già deliberato dal Comune. Chi ha i requisiti per l'aliquota agevolata e non ha quelli per l'ulteriore agevolazione prevista dalla Legge di Stabilità, può continuare ad usufruire dell'aliquota agevolata senza l'abbattimento della base imponibile.

Immobili in locazione
Dal 2016 (Legge di Stabilità 2016) per gli immobili locati a canone concordato di cui alla legge 9 dicembre 1998, n. 431, l’imposta I.M.U., determinata applicando l’aliquota stabilita dal Comune, è ridotta al 75 per cento. Tale ipotesi è stata confermata dall’art.1 comma 760 della L.160/19

Con Decreto del Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture del 16/01/2017, per i nuovi contratti di locazione che non sono stati definiti con l’intervento delle OO.SS. della proprietà o degli inquilini, i proprietari per poter usufruire delle agevolazioni fiscali, sia statali che comunali, devono richiedere ad almeno una delle organizzazioni firmatarie dell’accordo, il rilascio dell’attestato nel quale viene esplicitato che il canone è stato determinato in base all’accordo territoriale stipulato per il Comune di Massa.

Fabbricati del gruppo D
Per i Fabbricati D, il versamento I.M.U. continuerà ad essere suddiviso tra la quota comunale e la quota statale :

  • la quota comunale deve essere calcolata sulla base dell’aliquota che eccede il 7,60 per mille - cod. tributo 3930
  • la quota statale deve essere calcolata sulla base dell’aliquota del 7,60 per mille - cod. tributo 3925

A decorrere dal 1° gennaio 2016, la determinazione della rendita catastale degli immobili a destinazione speciale e particolare, censibili nelle categorie catastali dei gruppi D ed E, è effettuata, tramite stima diretta, tenendo conto del suolo e delle costruzioni, nonché degli elementi ad essi strutturalmente connessi che ne accrescono la qualità e l’utilità, nei limiti dell’ordinario apprezzamento.
Sono esclusi dalla stessa stima diretta macchinari, congegni, attrezzature ed altri impianti, funzionali allo
specifico processo produttivo.

Fabbricati storici e inagibili/inabitabili
La Legge 27 dicembre 2019 n. 160 art. 1 comma 747 prevede la riduzione del 50% dell'imponibile dell’imposta per le seguenti fattispecie:

  • per i fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e, di fatto, non utilizzati, limitatamente al periodo dell'anno in cui sussiste tale condizione e che tale condizione non sia superabile con interventi di manutenzione. N.B.: L'inagibilità o inabitabilità è accertata dall'ufficio tecnico comunale con perizia a carico del proprietario, che allega idonea documentazione alla dichiarazione o in alternativa, il contribuente ha facoltà di presentare una dichiarazione sostitutiva ai sensi del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 20 dicembre 2000, n. 445, che attesti la dichiarazione di inagibilità o inabitabilità del fabbricato da parte di un tecnico abilitato;
  • fabbricati di interesse storico o artistico di cui all'art. 10 del codice di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42;

Occorre infine ricordare che la dichiarazione IMU deve essere presentata anche nel caso in cui il fabbricato perda i requisiti di inagibilità o inabitabilità.

Base Imponibile
La base imponibile è costituita dal valore dell'immobile determinato ai sensi dell'articolo 5, commi 1, 3, 5 e 6 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.504, e dei commi 4 e 5 dell’art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011 n. 201, convertito con modificazioni con la legge 22 dicembre 2011 n. 214.

Fabbricati:
Per i fabbricati iscritti in catasto, il valore è costituito da quello ottenuto applicando all’ammontare delle rendite risultanti in catasto, vigenti al 1° gennaio dell’anno di imposizione, rivalutate del 5 per cento ai sensi dell’articolo 3, comma 48, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, i seguenti moltiplicatori:

  • 160 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale A e nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, con esclusione della categoria catastale A/10;
  • 140 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale B e nelle categorie catastali C/3, C/4 e C/5;
  • 80 per i fabbricati classificati nella categoria catastale D/5 e A/10;
  • 65 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale D ad eccezione dei fabbricati classificati nella categoria catastale D/5;
  • 55 per i fabbricati classificati nella categoria catastale C/1.

Terreni Agricoli
Per i terreni agricoli, il valore è costituito da quello ottenuto applicando all’ammontare del reddito dominicale risultante in catasto, vigente al 1° gennaio dell’anno di imposizione, rivalutato del 25 per cento ai sensi dell’articolo 3, comma 51, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, un moltiplicatore pari a 135.

Aree edificabili
La base imponibile è costituita dal valore venale in comune commercio al 1° gennaio dell’anno di imposizione, avendo riguardo:
- alla zona territoriale di ubicazione
- all’indice di edificabilità
- alla destinazione d’uso consentita
- agli oneri per eventuali lavori di adattamento del terreno necessari per la costruzione, ai prezzi medi rilevati sul mercato dalla vendita di aree aventi analoghe caratteristiche

Pagamento IMU
Il versamento deve essere effettuato tramite modello F24 (“modello F24″ ) indicando il Codice Catastale del Comune di Massa che è F023 e utilizzando i seguenti codici tributo:

  • 3912 per le abitazione principale e pertinenze delle categorie catastali A1, A8 e A9
  • 3914 per i terreni agricoli
  • 3916 per le aree fabbricabili
  • 3918 per altri fabbricati
  • 3925 per la quota statale per tutti i fabbricati con la categoria catastale D
  • 3930 per la quota comunale per tutti i fabbricati con la categoria catastale D
  • 3939 per i beni merce

Il versamento può essere effettuato con bollettino di conto corrente postale n. 1008857615 e i bollettini sono reperibili solo ed esclusivamente presso gli sportelli degli uffici postali.
Il versamento minimo IMU è di 12,00 euro annui.

Soggetti obbligati a presentare la dichiarazione
L’obbligo di dichiarazione sorge solo nei casi in cui siano intervenute variazioni rispetto a quanto risulta dalle dichiarazioni ICI e IMU già presentate, nonché nei casi in cui si siano verificate variazioni che non sono comunque conoscibili dal Comune.

La dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi sempre che non si verifichino modificazioni dei dati e degli elementi cui consegue un diverso ammontare dell’imposta.

A titolo esemplificativo si elencano alcune delle principali tipologie per le quali sussiste l’obbligo dichiarativo:
- i fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati
- i fabbricati di interesse storico o artistico
- i terreni agricoli, nonché quelli non coltivati, posseduti e condotti da coltivatori diretti o da imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola (IAP)
- l’immobile è stato oggetto di locazione finanziaria
- l’immobile è stato oggetto di un atto di concessione amministrativa su aree demaniali
- il terreno agricolo è divenuto area edificabile
- l’area è divenuta edificabile a seguito di demolizione di fabbricato
- l’immobile è assegnato al socio della cooperativa edilizia a proprietà divisa, in via provvisoria
- il fabbricato classificabile nel gruppo catastale D, non iscritto in catasto, ovvero iscritto, ma senza attribuzione di rendita, interamente posseduto da imprese e distintamente contabilizzato
- l’immobile è oggetto di diritto di godimento a tempo parziale (multiproprietà)

Inoltre sussiste l’obbligo dichiarativo anche:
- nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi situati nel territorio comunale; in tal caso deve essere dichiarato l’immobile adibito a dimora abituale del nucleo familiare
- nel caso in cui sia intervenuta un’estinzione del diritto di abitazione, uso, enfiteusi o di superficie
- per gli immobili dati in comodato gratuito a parenti in linea retta entro il primo grado;

Il modello di dichiarazione IMU riguardante gli Enti non commerciali è stato approvato dal D.M. 26 giugno 2014 e può essere, inviato, come stabilito dall'art. 1, comma 719, legge n. 147/2013, esclusivamente in via telematica. A tal fine è necessario utilizzare i canali Entratel o Fisconline messi a disposizione dall'Agenzia delle Entrate. La dichiarazione va presentata, a regime, nello stesso termine per quella “ordinaria”, ossia entro il 30 giugno dell'anno successivo a quello in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell'imposta.

A CHI VA PRESENTATA LA DICHIARAZIONE
La dichiarazione IMU deve essere presentata mediante consegna al Comune sul cui territorio insistono gli immobili dichiarati.
Può essere consegnata a mano all’Ufficio Protocollo, o all'Ufficio IMU della società Master SRL che rilasciano apposita ricevuta. In alternativa, può anche essere spedita, tramite il servizio postale, in busta chiusa con raccomandata senza ricevuta di ritorno indirizzata all’Ufficio Tributi del Comune di Massa, riportando sulla busta la dicitura DICHIARAZIONE IMU anno …… con l’indicazione dell’anno di riferimento. In tal caso la dichiarazione si considera presentata nel giorno in cui è consegnata all’ufficio postale.
La dichiarazione può essere anche inviata telematicamente con posta elettronica certificata (PEC) all’indirizzo: comune.massa@postacert.toscana.it.
La spedizione può essere effettuata anche dall’estero, a mezzo raccomandata o altro equivalente, dal quale risulti con certezza la data di spedizione.

TERMINE DI PRESENTAZIONE
Il termine per la presentazione della Dichiarazione IMU è normativamente fissato al 30 giugno dell’anno successivo alla data in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell’imposta.

SUPPORTO AL CALCOLO DELL’IMPOSTA
L’IMU è un’imposta soggetta al regime dell’autoliquidazione. Ciò significa che il Comune non deve calcolare l’imposta dovuta e comunicarla al singolo contribuente, ma questa deve essere gestita direttamente dal contribuente stesso.
Il Comune ha comunque ritenuto di mettere a disposizione del contribuente un calcolatore dell’imposta che prevede alcune tipologie di calcolo. Tale calcolatore è disponibile sul sito internet del Comune (vedi“calcolo IMU”). Si fa presente che, in ogni caso, i contribuenti sono tenuti a verificare la correttezza dei dati, così come risultanti a seguito dell’utilizzazione di detto calcolatore.

DICHIARAZIONE IMU: http://www.amministrazionicomunali.net/imu/dichiarazione_imu.php?comune=massa

PER IL CALCOLO IMU PU0' ESSERE UTILIZZATO IL SEGUENTE SITO: CALCOLO IMU

 PROFESSIONISTI
Per la gestione delle pratiche inerenti gli avvisi di accertamento IMU, Master srl ha attivato uno sportello riservato agli studi professionali, ai CAF, alle associazioni di categoria a cui si accede su prenotazione inviando una mail a imu.professionisti@mastermassa.it . I professionisti dovranno presentarsi muniti di delega sottoscritta dai contribuenti rappresentati, unitamente alla copia di un documento di identità.

Normativa di riferimento

Regolamento IUC - atto CC n. 54/2019

Data ultima modifica: 
Martedì, 17 Novembre, 2020