Imposta di soggiorno

DOVE RIVOLGERSI
Ufficio           Servizio Tributi
sede             Via Porta Fabbrica n.1
telefono         0585 490492
Email            impostasoggiorno@comune.massa.ms.it

******************************************************************
DICHIARAZIONE ANNUALE DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO 2020 e 2021

Nota del 21/09/2022
"Si comunica che in data 19/09/2022 il Ministero ha pubblicato una serie chiarimenti in merito alla presentazione della dichiarazione dell'Imposta di Soggiorno per gli anni di imposta 2020 e 2021 (vedi FAQ).

In particolare, in riferimento all’anno di imposta 2020, l’obbligo dichiarativo non sussiste come specificato ai quesiti 14 e 16, in quanto il Consiglio Comunale aveva previsto la sospensione dal pagamento dell’Imposta di Soggiorno con atto n. 91/2020 a causa dell’emergenza pandemica da COVID-19.

Tra i vari chiarimenti si rappresenta anche l’ipotesi del venir meno dell’obbligo di ripresentazione della dichiarazione per l’anno di imposta 2021, nel caso in cui i gestori di strutture ricettive, nonché i titolari di locazioni brevi, hanno già presentato una dichiarazione/comunicazione al Comune sulla base del Regolamento dell’Imposta di Soggiorno.
Nel caso in cui il contribuente non ha presentato la dichiarazione prevista dal Regolamento Comunale dovrà utilizzare esclusivamente il nuovo modello ministeriale per la dichiarazione, come specificato ai quesiti 8 e 9 delle faq. In quest'ultimo caso Si ricorda che con Decreto Legge 21 giugno n.73 (art.3, comma 6) pubblicato in G.U. n. 143 del 21.06.2022, è stato RINVIATO AL 30 SETTEMBRE 2022 il termine inizialmente previsto al 30 giugno 2022 dagli articoli 4, c. 1-ter, del D.Lgs n. 23/2011 e 4, c. 5-ter, del DL 50/2017, in merito alla  presentazione  della dichiarazione dell'Imposta di Soggiorno per l'anno 2021. "

Cliccare QUI per leggere le  FAQ

*********************************************************************************

DA QUANDO DEVE ESSERE PAGATA E IN QUALE MISURA

 

L’Imposta deve essere pagata per ogni pernottamento per il periodo che va dal 01 Giugno al 15 Settembre di ciascun anno.
E’ determinata per persona e per ogni pernottamento e applicando la tariffa di riferimento alla tipologia delle strutture ricettive.
Le tariffe sono determinate annualmente dalla Giunta Comunale con apposita deliberazione ai sensi dell’art. 42 comma 2 lett. f del D.Lgs. n. 267/2000 entro i termini di approvazione del Bilancio di previsione. Qualora il provvedimento non venga adottato si intendono confermate le misure approvate nell’anno precedente.

 

TARIFFE ANNO 2022
Strutture alberghiere      

Alberghi a 4 o più stelle     € 1,50
Alberghi a 3 stelle         € 0,55
Alberghi a 2 stelle         € 0,50
Alberghi a 1 stella         € 0,45

Strutture Residenze Turistico Alberghiere (R.T.A.)    
R.T.A. a 4 o più stelle                     € 1,50
R.T.A. a 3 stelle                         € 0,55
R.T.A. a 2 stelle                         € 0,50
R.T.A. a 1 stella                         € 0,45

Strutture extra alberghiere 
Affittacamere             € 0,75
Case per Ferie         € 0,75
Campeggi             € 0,40
Casa Vacanze             € 0,75
Ostelli della Gioventù     € 0,75
Alloggi Privati         € 0,75
Altre attività assimilate     € 0,75

********************************************************
ISTITUZIONE
L’Imposta di soggiorno è disciplinata dall’art. 4 del D.Lgs 14 marzo 2011 n. 23 e dall’art. 4, comma 5 ter, dal Decreto Legge n. 50 del 24.04.2017, convertito con Legge n. 96 del 21.06.2017. L'imposta è destinata a finanziare gli interventi in materia di turismo compresi quelli a sostegno delle strutture ricettive, la manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali ed ambientali, nonché i servizi pubblici locali.
Il Comune di Massa ha istituito l’Imposta di soggiorno dall’anno 2012, con delibera del Consiglio Comunale n. 16 del 29/03/2012.

********************************************************
SOGGETTO PASSIVO DELL’IMPOSTA E SOGGETTO RESPONSABILE DEGLI OBBLIGHI TRIBUTARI
È soggetto passivo dell'imposta colui che pernotta nelle strutture ricettive che si trovano nel territorio del Comune di Massa e non è ivi residente.

Il Soggetto responsabile degli obblighi tributari è il Gestore della Struttura ricettiva che provvede alla riscossione dell’Imposta e risponde direttamente del corretto ed integrale riversamento della stessa al Comune di Massa.

Ai sensi dell’art. 4, comma 1 ter, del D.Lgs. n. 23/2011, come modificato dall’art. 180 del D.L.34/2020, convertito con L.77/2020, il Gestore della Struttura ricettiva è responsabile del pagamento dell’Imposta di soggiorno con diritto di rivalsa sui soggetti passivi, della presentazione della dichiarazione, nonché degli ulteriori adempimenti previsti dalla legge e dal presente Regolamento.

Ai sensi dell’art. 4, comma 5 ter, del D.L. 50/2017, il soggetto che incassa il canone o il corrispettivo, ovvero che interviene nel pagamento dei canoni o corrispettivi legati alle locazioni brevi, è responsabile del pagamento dell’Imposta di soggiorno con diritto di rivalsa sui soggetti passivi, della presentazione della dichiarazione, nonché degli ulteriori adempimenti previsti dalla Legge e dal Regolamento comunale.

I Gestori di portali telematici e/o di piattaforme on line e i soggetti che esercitano attività di intermediazione immobiliare sono tenuti alla riscossione e al riversamento dell’Imposta di soggiorno al Comune di Massa secondo modalità operative che saranno concordate tra le parti.  In tali casi l’Imposta di soggiorno deve essere versata dal soggetto passivo al momento della prenotazione o contestualmente al pagamento del corrispettivo del soggiorno. I portali telematici e/o le piattaforme di prenotazione on line si sostituiscono ai soggetti ospitanti nella riscossione e riversamento dell’Imposta di soggiorno assumendo gli obblighi di dichiarazione, versamento e rendicontazione.
L'imposta si applica ad ogni pernottamento per ogni persona non residente e per ogni notte senza alcuna esenzione per fasce di età e numero di giorni.  


********************************************************
COSA SI INTENDE PER STRUTTURA RICETTIVA
Per “strutture ricettive” si intendono tutte le strutture alberghiere, extra alberghiere ed all’aperto gestite per la produzione e l’offerta al pubblico di servizi per l’ospitalità, come stabilite dalla Legge Regionale della Toscana 20/12/2016 n. 86 (Testo unico del sistema turistico regionale).
Rientrano tra queste, a titolo esemplificativo e non esaustivo:
• alberghi diffusi;
• alberghi;
• aree di sosta;
• bivacchi fissi;
• campeggi;
• camping-village;
• case per ferie;
• condhotel;
• ostelli per la gioventù;
• parchi di vacanza;
• residenze turistico-alberghiere;
 • rifugi alpini;
• rifugi escursionistici;
• villaggi turistici;
• le strutture ricettive extra-alberghiere con le caratteristiche della civile abitazione (esercizi di affittacamere; bed and breakfast; case e appartamenti per vacanze; residenze d’epoca, i residence);
• gli alloggi ammobiliati, o parti di essi, utilizzati per “locazioni brevi”, ovvero non superiori a 30 giorni, di cui all'art. 4 del Decreto Legge 24/04/2017 n. 50, convertito dalla legge 21/06/2017 n. 96

********************************************************
ESENZIONI
Sono esenti dal pagamento dell'imposta i soggetti che assistono i degenti ricoverati presso strutture sanitarie del territorio, in ragione di due persone per paziente, secondo quanto disposto dall'art. 5 del Regolamento Comunale.

********************************************************
OBBLIGHI DEI GESTORI DELLE STRUTTURE RICETTIVE E DEI SOGGETTI CHE INTERVENGONO NELLE LOCAZIONI BREVI
A seguito dell’entrata in vigore del Dl 34/2020 art. 180 che ha modificato il comma 1 dell’art. 4 del D.Lgs 23/2011, il gestore della struttura ricettiva è responsabile del pagamento dell’imposta di soggiorno, con diritto di rivalsa sui soggetti passivi, della presentazione della dichiarazione, nonché degli ulteriori adempimenti previsti dalla legge e dal regolamento comunale.
I gestori delle strutture ricettive sono tenuti a informare, in appositi spazi, i propri ospiti dell’applicazione, dell’entità e delle esenzioni dell’imposta di soggiorno.

In particolare, sono tenuti:
- a riscuotere l'imposta rilasciandone quietanza, scegliendo una delle seguenti modalità:
a) con emissione di una semplice ricevuta nominativa al cliente (mantenendone una copia, come di regola);
b) inserendo il relativo importo in fattura indicandolo come "operazione fuori campo IVA"
c) rilasciando quietanza tramite bollettario delle ricevute a madre e figlia acquistabile presso le cartolerie;

-a riversare tutti gli importi riscossi a titolo di imposta di soggiorno tassativamente entro e non oltre  il 31 Ottobre  di ogni anno utilizzando esclusivamente il sistema dei pagamenti Pago P.A.
A tal fine, il Comune di Massa mette a disposizione un apposito servizio digitale per procedere al pagamento che è raggiungibile dal portale Comunale (www.comune.massa.ms.it) -  Servizi on Line -  Sportello Pagamenti on line -  “Servizio di Pagamento Pago P.A. (senza accreditamento) - Diversi Servizi Comunali” selezionando la voce - “Inserimento Spontaneo” e quindi Imposta di Soggiorno;

- ad effettuare apposita Dichiarazione riepilogativa dei pernottamenti avuti e dei versamenti fatti, da presentare cumulativamente ed esclusivamente in via telematica entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui si è verificato il presupposto impositivo.
Le modalità di presentazione di tale dichiarazione sono stabilite con Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 29 aprile 2022 che ha stabilito il modello e le modalità tecniche di trasmissione.
Di seguito si riporta il link di riferimento dell’Agenzia delle Entrate:  
https://www.finanze.gov.it/export/sites/finanze/.galleries/Documenti/Fiscalita-locale/IMPOSTA_SOGGIORNO_MODELLO_DEFINITIVO_31.03.2022.pdf

- a conservare per cinque anni tutta la documentazione relativa all’Imposta di soggiorno al fine di rendere possibili i controlli da parte del Comune;

- a esibire e rilasciare ai competenti Uffici comunali atti e documenti comprovanti le comunicazioni rese, l’Imposta riscossa e i pagamenti effettuati;

- in caso di rifiuto al pagamento dell’Imposta di soggiorno da parte del soggetto passivo, a versare l’Imposta in qualità di responsabile del pagamento;  

- a rendere al Comune di Massa, Settore Tributi – Attività Estrattive – Risorse Umane, entro il 30 Gennaio dell'anno successivo, il conto della propria gestione, Mod. 21, essendo soggetti alla giurisdizione della Corte dei Conti sia il Tesoriere, sia “ogni altro agente contabile che abbia il maneggio di pubblico denaro o sia incaricato della gestione dei beni degli enti locali, nonché coloro che si ingeriscano negli incarichi attribuiti a detti agenti” ai sensi dell’art. 93 del TUEL.
Il Modello 21, debitamente compilato e sottoscritto dal gestore (titolare/legale rappresentante) della struttura ricettiva deve essere prodotto secondo la seguente modalità:

a) consegnandolo direttamente, esclusivamente in copia originale, presso il Protocollo Generale del Comune di Massa in Via Porta Fabbrica, 1;

b) inviandolo tramite posta raccomandata a.r., sempre in copia originale compilata e sottoscritta dal Gestore, al seguente indirizzo: Comune di Massa – Settore Tributi, Attività Estrattive e Risorse Umane - Via Porta Fabbrica, 1 – 54100 Massa;
 solo per chi è dotato di firma digitale l'invio del Mod.21, sottoscritto con suddetta firma digitale, può essere effettuato tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) all'indirizzo: comune.massa@postacert.toscana.it
ATTENZIONE: NON è ammesso l’invio del Conto della gestione (mod.21) tramite fax o posta elettronica.

- per chi dà in locazione immobili o porzioni di essi per finalità turistiche, anche nel caso di gestione in forma indiretta (ad es. tramite un’agenzia immobiliare), deve comunicare, con modalità telematica, al Comune nel cui territorio gli alloggi sono situati la Locazione Turistica, prevista dall'art. 70 della Legge Regionale n. 86/2016 "Testo unico del sistema turistico regionale".

La comunicazione deve essere effettuata tramite il link http://www.regione.toscana.it/-/comunicazione-locazioni-turistiche

**********************************************************************************************
SANZIONI
Le violazioni al Regolamento dell'Imposta di soggiorno sono punite secondo quanto stabilito dall'art. 9 del medesimo, con le sanzioni amministrative tributarie irrogate sulla base dei principi generali dettati, in materia di sanzioni tributarie, dai Decreti Legislativi 18 dicembre 1997, n. 471, n. 472 e n. 473:

- Per l’omesso, ritardato o parziale versamento dell’Imposta da parte del gestore della struttura ricettiva ovvero nel solo ambito delle locazioni brevi di cui all’art. 4 D.L. 50/17 da parte di coloro che incassano il canone o il corrispettivo oppure che intervengono nel pagamento dei predetti canoni o corrispettivi, si applica la sanzione amministrativa pari 30% dell'importo non versato, ai sensi dell’articolo 13 del Decreto Legislativo n. 471 del 1997, così come disposto dall’art. 4, comma 1 ter del D.lgs. n. 23/2011.

- Per l’omessa o infedele dichiarazione di cui all’art. 7 comma 3 punto 4 da parte del gestore della struttura ricettiva ovvero nel solo ambito delle locazioni brevi di cui all’art. 4 D.L. 50/17 da parte di coloro che incassano il canone o il corrispettivo oppure che intervengono nel pagamento dei predetti canoni o corrispettivi, si applica la sanzione amministrativa pari al 150% dell’importo dovuto nel caso di omessa dichiarazione e la sanzione amministrativa pari al 100% dell’importo dovuto nel caso di infedele dichiarazione, così come disposto dall’art. 4, comma 1 ter del D. Lgs. n. 23/2011.

- Per la violazione all’obbligo di informazione di cui al precedente articolo 7 comma 3 punto 2 da parte del gestore della struttura ricettiva, si applica la sanzione amministrativa pecuniaria pari ad euro100,00, ai sensi dell’articolo 7 bis del D.Lgs. n. 267/00. Al procedimento di irrogazione della sanzione di cui al presente comma si applicano le disposizioni di cui alla L. n. 689/81.

RAVVEDIMENTO OPEROSO ex articolo 13 del D.Lgs. n. 472/1997
Anche per i versamenti carenti, tardivi od omessi dell'Imposta di soggiorno la sanzione amministrativa del 30% dell’importo non pagato, può essere ridotta tramite ravvedimento, se il responsabile del pagamento provvede a regolarizzare la sua posizione, versando spontaneamente: – il tributo dovuto
– gli interessi moratori al tasso legale annuo, calcolati dal giorno successivo al termine (non rispettato) entro il quale doveva essere assolto l’adempimento fino a quello in cui viene eseguito il pagamento;
– la sanzione ridotta, la cui entità è diversificata in funzione della tempestività del ravvedimento, ossia del tempo intercorso tra la commissione della violazione e la sua regolarizzazione.

Cliccando sul link sottostante è possibile effettuare gratuitamente il calcolo del ravvedimento, selezionando nella voce Codice Tributo/Imposta => 3936 - Imposta di soggiorno
www.amministrazionicomunali.net/ravvedimento/calcolo_ravvedimento.php?comune=massa

********************************************************
NORMATIVA DI RIFERIMENTO
Decreto Legislativo n. 23 del 14 marzo 2011, art. 4.
Deliberazione della Giunta comunale n. 69 del 12/03/2015 relativa alle Tariffe anno 2015
Regolamento Imposta di soggiorno
Ulteriori informazioni accedendo alla pagina del procedimento Imposta di soggiorno al seguente link http://trasparenza.comune.massa.ms.it/node/24479

**********************************************************

Dichiarazione annuale Imposta di Soggiorno

Alla Gazzetta Ufficiale n. 110 del 12.5.2022 è stato pubblicato il modello di dichiarazione annuale dell’imposta di soggiorno con le relative istruzioni. Questa nuova modalità, introdotta con un avviso comparso sul sito del Ministero in data 31 maggio 2022, è stata prevista per l'invio all'Agenzia delle Entrate della dichiarazione annuale obbligatoria  per i soggetti tenuti alla compilazione (strutture alberghiere, extralberghiere e locazioni brevi ai fini turistici).

Dal 7 giugno 2022 , è pubblicata nell'area riservata del sito web dell'Agenzia delle entrate un apposito servizio  che consente agli utenti di predisporre e inviare interattivamente la dichiarazione relativa agli anni di imposta 2020 e 2021.
Una volta che l'utente ha effettuato l'accesso, trova il servizio all'interno della scheda "Servizi", nella categoria "Dichiarazioni" (in alternativa può essere cercato con parole chiave, per esempio "imposta di soggiorno", dalla casella di ricerca), dove è possibile compilare il Modello 22 relativo alla dichiarazione dell’imposta di soggiorno per gli anni di imposta 2020 e 2021, secondo le specifiche tecniche pubblicate sul sito nella sezione “Fiscalità regionale e locale  - Dichiarazione telematica imposta di soggiorno”. 
https://www.finanze.gov.it/export/sites/finanze/.galleries/Documenti/Fiscalita-locale/IMPOSTA_SOGGIORNO_MODELLO_DEFINITIVO_31.03.2022.pdf
I modelli devono essere trasmessi utilizzando ESCLUSIVAMENTE i canali telematici (entratel/fisconline) dell'Agenzia delle entrate.
Per maggiori informazioni consultare il link: https://www.finanze.gov.it/it/inevidenza/Dichiarazione-dellimposta-di-soggiorno-per-gli-anni-di-imposta-2020-e-2021/

- Per informazioni e chiarimenti contattare il call center dell’Agenzia delle Entrate 800 90 96 96 (da telefono fisso)
- Ricordiamo che sono previste sanzioni per la mancata o tardiva dichiarazione.
- Rimangono invariati gli obblighi di versamento al 31/10/2022, ai sensi delle disposizioni del regolamento comunale sull’imposta.

 

 

 

Data ultima modifica: 
Mercoledì, 21 Settembre, 2022